Pane al grano saraceno

Con questa ricetta vedremo come preparare un ottimo pane al grano saraceno con la macchina del pane!

pane al grano saraceno

Il grano saraceno è originario delle regioni montuose dell’Asia e in Italia viene coltivato soprattutto in Valtellina e Trentino. I famosi “pizzoccheri della Valtellina” sono fatti proprio con questo tipo di grano. A differenza di altri tipi di cereali, il grano saraceno non contiene glutine, il che lo rende quindi adatto a chi ha intolleranze alimentari. Tuttavia, per questa ricetta, abbiamo deciso di utilizzarlo insieme alla farina di grano duro in modo che il glutine aiuti in fase di lievitazione del pane.

Preparare il pane al grano saraceno con la macchina del pane è molto semplice e vi occorrono soltanto i seguenti ingredienti:

  • farina di grano saraceno, 150 gr
  • farina di tipo ’00’, 150gr
  • farina di tipo ‘0’ o ‘Manitoba’, 150 gr
  • acqua, 240 ml
  • olio extravergine di oliva, 2 cucchiai
  • lievito fresco, 12.5 gr
  • sale, un cucchiaino e mezzo
  • zucchero, un cucchiaino

Inserite nella macchina prima gli ingredienti liquidi, poi la farina. Al centro aggiungete il lievito fresco frantumato, mentre ai bordi, in lati opposti del cestello, vanno aggiunti lo zucchero e il sale:

ingredienti in macchina

Avviate la macchina nella modalità ‘Pane Bianco’ (dovrebbe durare 3 ore), livello di cottura medio o elevato, a seconda dei vostri gusti. Lasciate lavorare la macchina durante questo tempo, controllando ogni tanto lo stato dell’impasto, anche solo dall’oblò, senza aprire lo sportello.

Noterete che questo pane, a differenza del normale pane bianco normale con farina di grano duro, lievita di meno; questo è dovuto alla presenza del grano saraceno che, non avendo glutine, rende il pane un po’ meno elastico. La funzione del glutine, infatti, è quella di rendere gli impasti più morbidi ed elastici. Per questo motivo in questa ricetta abbiamo deciso di aggiungere la normale farina di grano dura a quella di grano saraceno.

Alla fine del programma, estraete il pane dalla macchina, facendo attenzione a non scottarvi! Lasciatelo raffreddare prima di gustarlo. Dovreste ottenere un risultato di questo tipo:

pane finale

Vi è piaciuta la ricetta del grano saraceno? Lasciate un commento!

4 Commenti a Pane al grano saraceno

  1. Alfredo scrive:

    Buona sera, appena ricevuto in “regalo” una Princess 1934, provo subito a fare il pane bianco, ma… qualche domanda a gente esperta;
    1) La superficie è croccante ma bianca e pallida come un cadavere molto congelato;
    2) Non vedo da alcuna parte il possibile uso del malto d’orzo (ho sempre fatto il pane in casa, ma con forno tradizionale), esiste una qualche controindicazione per le mdp?
    3) Non capisco le istruzioni:
    a) inserire gli ingredienti
    ….
    x) dopo il 1° segnale acustico potete unire gli ingredienti?????
    ma gli ingredienti li ho messi all’inizio…!!!???
    e poi posso aprire il coperchio con la macchina in funzione?
    Scusate il poema ma è la 1.a volta che uso la MdP e mi sembra di essere diventato un ebetino…
    Grazie e complimenti per il bel sito.

    • Ricette Per la Macchina del Pane scrive:

      Ciao Alfredo,
      ti rispondiamo per punti:
      1) Se il pane dentro non è crudo e la crosta croccante, allora l’unico problema potrebbe essere legato al fatto che il livello di cottura era troppo basso. Prova ad alzarlo a “medio” o “elevato” la prossima volta;
      2) Il malto d’orzo può essere utilizzato, ma essendo liquido va aggiunto insieme agli ingredienti liquidi (acqua, olio, ecc)
      3) Alcune macchine del pane, come la tua Princess, hanno l’opzione di aggiunta di alcuni ingredienti a un certo punto del programma. Purtroppo spesso i manuali sono tradotti male in italiano e il risultato è spesso che non si capisce cosa bisogna fare…ad ogni modo, alcuni ingredienti, come noci, olive, cipolla tagliata, ecc, vanno aggiunti non subito ma a un certo punto del programma, di solito quando la macchina emette dei segnali acustici (spesso dei “bip”). Questo si fa perché è meglio inserire tali ingredienti dopo la prima fase di lievitazione. Nelle nostre ricette indichiamo sempre se gli ingredienti sono da aggiungere al cestello fin dall’inizio oppure no;
      4) Puoi aprire senz’altro il coperchio, ma è sconsigliabile durante/dopo la fase di lievitazione, perché altrimenti abbassi la temperatura dell’impasto che invece deve rimanere costante.

      Grazie per i complimenti e buona panificazione! Se hai altri dubbi non esitare a contattarci di nuovo

      • Alfredo scrive:

        Ciao! Intanto ringrazio per la cortese e sollecita risposta e ancora complimenti per il sito, ho avuto modo di vederlo un po’ di più e mi piace proprio.
        Il primo pane con la MdP, anche se più pallido di un morticino, alla fine è andato a ruba…!!! Era pallido, ma solo “sopra”, dorato attorno e sotto, croccante la bianca crosta e soffice e cotto all’interno… assaggiato e … sparito!!
        Devo dire che la cosa mi intriga, come già ho detto ho sempre fatto il pane in casa in forno tradizionale, ora apprezzo il fatto di poter “quasi” dimenticare la macchina mentre lavora, al contrario del forno che richiede controlli (così come la lievitazione; il sito poi spinge ulteriormente sulla strada!
        Proverò l’integrale che personalmente adoro, vedremo.
        Ancora grazie, cordiali saluti!

  2. Arianna scrive:

    Salve, oggi ho provato questa ricetta, con la macchina del pane Moulinex Home Bread, seguendo alla lettera gli ingredienti ed i passaggi ma l’impasto non ha lievitato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>