Pane Anadama

Oggi voglio presentarvi la ricetta di un pane che arriva direttamente dagli USA: l’Anadama Bread! Contiene una miscela di farina bianca, farina integrale e polenta e il gusto è leggermente dolciastro dovuto al miele contenuto negli ingredienti.

Pane anadama

Questo pane è originario del New England e nasconde una storia davvero divertente e simpatica; anzi, le versioni sono due. La prima versione racconta di un pescatore di Gloucester (nel Massachusetts) e di sua moglie, Anna, che gli preparava tutti i giorni la stessa cosa: un mix di farina di mais e melassa. Stufo di mangiare sempre lo stesso cibo e desideroso di provare qualcosa di nuovo, il pescatore un giorno decise di aggiungere alla miscela che preparava la moglie un po’ di farina di grano e di lievito, impastando il tutto per creare un pane ed esclamando nel frattempo un’imprecazione nei confronti della moglie, ovvero “Anna, damn her!” (“Anna, accidenti a lei!”), da cui il nome “Anadama”.

La seconda versione invece è meno divertente ma più tenera: si racconta che la moglie di un pescatore, Anna, era un’ottima cuoca ed era nota nel villaggio per il suo pane di farina di mais e melassa, noto anche tra i pescatori perché non andava a male durante i viaggi in mare. Quando Anna morì, sulla sua tomba venne scritto: “Anna was a lovely bride, but Anna, damn ’er, up and died”, ovvero “Anna era una moglie incantevole, ma Anna, accidenti a lei, è deceduta improvvisamente”.

Queste due storie, un po’ diverse tra loro, hanno un elemento in comune: il buonissimo pane Anadama. Vediamo quindi gli ingredienti necessari:

  • Farina ‘0’ (Manitoba), 120 gr
  • Farina ’00’, 240 gr
  • Farina integrale, 90 gr
  • Polenta, 60 gr
  • Acqua, 240 ml
  • Due cucchiai di melassa o di miele
  • Un cucchiaio di burro
  • 12,5 gr di lievito
  • 1 e ½ cucchiaini di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • qualche goccia di limone

Per prima cosa inseriamo i liquidi nel cestello, quindi l’acqua, il limone, il miele e il burro:
Pane anadama Pane anadama

Poi aggiungiamo le farine, aggiungendo il lievito al centro, il sale da una parte e lo zucchero dall’altra:
Pane anadama
A questo punto bisogna solo inserire il pane nella macchina, programma “Pane Integrale“, livello di cottura medio ~ elevato. Ecco qualche immagine della fase di impasto:
Pane anadamaPane anadamaPane anadamaPane anadama
…e  dopo circa 3 ore e mezza il nostro pane Anadama è finalmente pronto:
Pane anadama Pane anadama
Come potete notare la crosta è di colore dorato, dovuto al miele che abbiamo incorporato negli ingredienti e si possono notare a occhio nudo le diverse farine. Il gusto del pane è davvero ottimo, grazie alla giusta miscela delle diverse farine: provate a farlo, non ve ne pentirete! E ricordatevi che, in un modo o nell’altro, il pane Anadama è merito di Anna da Gloucester! ;)

6 Commenti a Pane Anadama

  1. Sandro scrive:

    Buongiorno, nel pane Anadama metti Olio ma non specifichi quanto. Metti anche il limone dei liquidi ? che tipo di farina gialla usi ?
    Grazie

    • Ricette Per la Macchina del Pane scrive:

      Ciao Sandro, c’era un errore nella ricetta, l’olio infatti non è tra gli ingredienti. Grazie per la segnalazione!
      Il limone (qualche goccia) va messo insieme all’acqua, mentre come farina gialla va bene la normale polenta! :)

      • antonella scrive:

        Ma che tipo di lievito? disidratato o a cubetto ? il quantitativo cambierebbe… Ho provato con il cubetto di lievito di birra,ma il risultato è un po’…pesante

  2. Antonio scrive:

    Buongiorno,
    gli ingredienti sopra elencati vanno bene per un pane da 750 gr ? Grazie.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>