Pane alle patate con la macchina del pane

Se volete assaggiare un pane morbido e fragrante, con un gusto particolare, questa è la ricetta che fa per voi: vi presento il pane alle patate fatto con la macchina del pane!!

Pane alle patate con la macchina del pane

Per realizzare questa ricetta vi occorre:

  • Farina ‘0’ (o “Manitoba”), 200 gr
  • Farina ’00’, 350 gr
  • Patate sbucciate, 200 gr
  • Acqua di cottura delle patate (o se preferite, acqua normale), 220 ml
  • Lievito, 12.5 gr
  • Olio, un cucchiaio
  • Sale, un cucchiaino e mezzo
  • Latte, un cucchiaio (opzionale)

Per prima cosa, fate bollire dell’acqua in un pentolino e immergete le patate, fate cuocere per circa 15 ~ 20 minuti (o comunque finché non diventano molli), senza sale.

Pane alle patate con la macchina del pane

Quando sono pronte, colatele senza però buttar via l’acqua, che useremo per il nostro pane. Ora inseriamola in una ciotola o nello stesso pentolino che abbiamo usato per cuocerle e pestiamole con un pestello per formare la purea; se volete aggiungete un cucchiaio di latte per rendere la purea più liquida e più malleabile.

Pane alle patate con la macchina del pane
Aggiungete anche del sale alla purea, quanto basta secondo i vostri gusti. Ora prendete il cestello della macchina del pane e inserite i liquidi (acqua di cottura e olio) insieme alle patate:

Pane alle patate con la macchina del pane

Poi aggiungete le farine; facciamo un piccolo “pozzo” al centro del cestello, dove bisogna inserire il lievito frantumato. Mancano solo sale e zucchero: metteteli in parti opposte del cestello:

Pane alle patate con la macchina del pane

Ora avviate la macchina in modalità “Pane normale”, livello di cottura medio ~ elevato. Controllate i primi minuti della fase di impasto perché in base a quanta acqua hanno assorbito le patate, potreste ritrovarvi un impasto più o meno liquido.

Ricordatevi la regola d’oro: l’impasto deve sempre risultare appiccicoso al contatto con le dita ma non deve restare niente sul dito, un po’ come quando toccate il retro di un post-it. Se vedete che toccandolo vi rimane qualcosa sulle dita, aggiungete della farina finché non succede più. Controllate di nuovo l’impasto dopo la prima fase di lievitazione, in quanto il caldo potrebbe rendere più “appiccicoso” l’impasto, che non deve neanche rimanere attaccato alle pareti del cestello.

Ecco qualche foto della prima fase di impasto:

Pane alle patate con la macchina del panePane alle patate con la macchina del panePane alle patate con la macchina del panePane alle patate con la macchina del panePane alle patate con la macchina del pane

Se avete provato la ricetta e vi è piaciuta, non perdete i nostri aggiornamenti, continuate a seguirci sul nostro sito o sulla nostra pagina Facebook!

6 Commenti a Pane alle patate con la macchina del pane

  1. cinzia scrive:

    Ma quanto e quale lievito aggiungi?
    Normalmente io uso quello disidratato. Ci sono controindicazioni?
    E’ meglio quello fresco a cubetti?
    Grazie
    C

    • Ricette Per la Macchina del Pane scrive:

      Ciao Cinzia, puoi usare il lievito che preferisci, disidratato o fresco, ma se usi il primo ricorda che una bustina (da 7g circa) corrisponde a un panetto di lievito fresco e che devi reidratarlo seguendo le istruzioni!

  2. Rosy scrive:

    hai dimenticato il lievito negli ingredienti, andrò a occhio, grazie per la ricetta mi sa che è proprio quella che cercavo da un pò.

  3. Rosy scrive:

    Grazie infinite, è proprio quella che stavo cercando perchè non avevo voglia di fare esperimenti (buttare è peccato), io ho fatto mini panini per capodanno e li ho congelati, sono venuti perfetti. Grazie mille, anzi 2018. Rosy

  4. Inge scrive:

    In Germania c’è un pane scuro patate e noci. È il mio preferito e vorrei tanto farlo con la mia Moulinex HBB. Avreste un idea? Possibilmente con ricetta completa, non sono tanto esperta!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>